Proutist Universal Italia

Proutist Universal Italia

ultime ricerche
sviluppo industriale
umanesimo
prodotti locali
... altre ricerche ...
Home > Zone socioeconomiche
RSS Atom
Home
Chi siamo
Sistema economico
Dinamiche sociali
Sistema politico
Cultura e pseudocultura
I principi del Prout
Ambiente
Zone socioeconomiche
Istituto di ricerca Prout
I Proutisti a Genova
La lotta per l'Art 18
Link
Contatti
Indice per titolo

Democrazia Economica
Garantire a tutti la disponibilità delle minime necessità compresi cibo, vestiti, case, sanità, istruzione. Il diritto al lavoro è un requisito fondamentale per la garanzia delle minime necessità. Lo stato deve sostenere chi non è in grado di essere autosufficiente. Questo non è solo un diritto individuale, ma anche una necessità per lo sviluppo collettivo.
Incrementare costantemente il potere d'acquisto delle persone ridistribuendo la ricchezza. Sviluppare l'utilizzo delle risorse locali e sostenere la produzione di beni essenziali per soddisfare il consumo dell'intera popolazione.
Le persone devono avere il diritto di decidere dell'economia locale, quindi le imprese devono essere il più possibile gestite da cooperative o da sistemi aziendali che permettano ad ogni lavoratore di essere imprenditore dell'azienda per cui lavora, partecipando agli utili, ai rischi e alle decisioni.
Le persone che non vivono in una zona economica o che non intendono viverci stabilmente, non devono interferire nel controllo dell'economia locale.
Zone socioeconomiche
Unità socioeconomiche autosufficienti
Lottare per la libertà
Sin dagli albori della storia la lotta per la libertà dalla schiavitù naturale, sociale, economica e politica è stata incessante. Questa lotta è intrinseca nella natura umana. Gli esseri umani esigono la libertà sia come individui sia come membri della società e per raggiungerla devono combattere contro ogni tipo di oppressione. Tuttavia, troviamo che ogni volta che un gruppo qualsiasi o una classe oppressa ha guadagnato una qualche libertà ha, a sua volta, oppresso gli altri.
UNITA' SOCIO ECONOMICHE AUTOSUFFICIENTI
Nel processo di formazione di Unità socio culturali, si dovrebbe tenere conto di alcuni fattori:

  1. Medesimi problemi economici
  2. Potenzialità economiche uniformi
  3. Analogie etniche
  4. Retaggio sentimentale popolare
  5. Caratteristiche geografiche simili.
FUSIONE DI UNITÀ SOCIO ECONOMICHE
Fusione di Unità Socio Economiche.

Dove esistano condizioni di:

  1. Parità economica, affinità culturale
  2. Mezzi di comunicazione
  3. Efficienza amministrativa

Sarà semplice e naturale per due o più unità adiacenti cooperare, perché avranno raggiunto un alto grado di uniformità socio economica. In tali casi esse dovrebbero fondersi per formare una singola Unità più grande. Questo favorirà la ricchezza dei relativi cittadini ed accrescerà i loro interessi socio economici.

Tuttavia, la teoria PROUT non approva la formazione di molti piccoli stati, ciascuno con il suo bilancio ed amministrazione distinti. Numerose divisioni di stati aggraveranno solamente i problemi economici, causando una duplicazione inutile, e saranno costosi e rovinosi. Stati piccoli, piuttosto, dovrebbero espandersi in Unità socio economiche più grandi.
UNIVERSALE NELLO SPIRITO, REGIONALE NELL'APPROCCIO
Le Unità socio economiche sono destinate a guadagnare grande popolarità entro breve tempo. Se ci possono essere espressioni culturali e potenzialità socio economiche diverse in unità diverse, i punti di diversità non dovrebbero poter dividere l'umanità. Se si darà la giusta importanza ai sentimenti comuni degli esseri umani e i punti di unità costituiranno le basi dello sviluppo collettivo, la diversità arricchirà l'umanità invece di costituire elemento di separazione. Se ciascuna Unità socio economica sarà ispirata da un'ideologia esaustiva e da una concezione universale, la società umana procederà sempre più velocemente verso un ideale sublime.

Un sano fondamento ideologico costituisce un prerequisito per la gruppificazione socio economica. Tale requisito è fornito dal cosmopolitismo universale, che ha la potenzialità di unificare tutta l'umanità. Il cosmopolitismo universale non sarà stabilito sulla dura crosta terrestre in una notte, ma raggiungerà il risultato gradualmente, passo dopo passo. Includerà ogni singolo individuo nel mondo, così come animali, piante ed oggetti inanimati. Se un singolo individuo resterà escluso dall'influenza dell'universalismo e diventerà vittima dello sfruttamento, allora il fondamento del cosmopolitismo universale sarà minato. Di qui, la teoria PROUT ha adottato un metodo razionale per risolvere i problemi socio economici che può essere definito come universale nello spirito ma regionale nell'approccio.
PROTEZIONE DALLO SFRUTTAMENTO
Una volta che le Unità socio economiche siano state costituite in tutto il mondo, come si eviterà lo sfruttamento per il futuro? La società godrà di una protezione duratura da tutti i tipi di sfruttamento solo se una ideologia integrata, un fondamento spirituale empirico, quadri aziendali spiritualmente orientati ed istituzioni appropriate saranno ben insediati nella vita sociale.

Un'ideologia integrata dovrebbe avere alcune caratteristiche:

  1. Deve costituire la base per l'analisi razionale di problemi socio economici e la formulazione di soluzioni esaurienti, appropriate e logiche.
  2. Secondariamente non deve ignorare il bisogno umano di sviluppo psichico ed emancipazione spirituale.
  3. In terzo luogo dovrebbe essere impregnata di dinamismo e di vitalità intrinseci così da poter far procedere l'umanità nella sua ricerca di un progresso completo. (P.R.Sarkar)
PROUT è equilibrio fra:
Necessità delle persone
Garanzia delle necessità primarie (cibo, vestiario, casa, istruzione, sanità)
Distribuzione della ricchezza
Intervento statale
Garantire alle imprese l'acquisto di materie prime, energia e trasporti al prezzo minimo di mercato
Garantire la concorrenza, impedendo la formazione di monopoli e concentrazioni dannose di potere economico
Libero mercato
Controllo diretto dei lavoratori tramite la cooperazione coordinata per le grandi e medie imprese
Gestione a conduzione famigliare delle piccole imprese e delle imprese artigiane