Proutist Universal Italia

Proutist Universal Italia

ultime ricerche
neoumanesimo
educazione neouman...
tarcisio bonotto
... altre ricerche ...
Home > Sistema economico > Sistema Finanziario
RSS Atom stampa
Home
Chi siamo
Sistema economico
Dinamiche sociali
Sistema politico
Cultura e pseudocultura
I principi del Prout
Ambiente
Zone socioeconomiche
Istituto di ricerca Prout
I Proutisti a Genova
La lotta per l'Art 18
Link
Contatti
Indice per titolo

Democrazia Economica
Garantire a tutti la disponibilità delle minime necessità compresi cibo, vestiti, case, sanità, istruzione. Il diritto al lavoro è un requisito fondamentale per la garanzia delle minime necessità. Lo stato deve sostenere chi non è in grado di essere autosufficiente. Questo non è solo un diritto individuale, ma anche una necessità per lo sviluppo collettivo.
Incrementare costantemente il potere d'acquisto delle persone ridistribuendo la ricchezza. Sviluppare l'utilizzo delle risorse locali e sostenere la produzione di beni essenziali per soddisfare il consumo dell'intera popolazione.
Le persone devono avere il diritto di decidere dell'economia locale, quindi le imprese devono essere il più possibile gestite da cooperative o da sistemi aziendali che permettano ad ogni lavoratore di essere imprenditore dell'azienda per cui lavora, partecipando agli utili, ai rischi e alle decisioni.
Le persone che non vivono in una zona economica o che non intendono viverci stabilmente, non devono interferire nel controllo dell'economia locale.
Sistema Finanziario

Circolazione continua del denaro

L'economia, come scienza, insegna che la circolazione di denaro non dovrebbe mai essere bloccata da alcun tipo di investimento non produttivo. Talvolta si fa un cattivo uso dei prestiti: per costruire un edificio inutile o una nuova sala d'esposizione per la propria attività: in questa maniera si impedisce la possibilità di reinvestire il capitale ed aumentare il proprio patrimonio. L'economia insegna che i prestiti presi per investimento aziendale dovrebbero sempre essere utilizzati per scopi produttivi, e non dovrebbero mai essere usati in nessuna impresa non produttiva. Prestiti stranieri, per esempio, non dovrebbero mai essere investiti nella costruzione di grandi stazioni ferroviarie ma piuttosto in linee ferroviarie.

Valore della moneta

Il valore della moneta aumenta con la sua mobilità. In altre parole, più è scambiata, maggiore è il suo valore economico. D'altro canto, più il denaro è tenuto immobile in una cassaforte, più perde la sua utilità e così il suo valore economico diminuisce. Questo è il principio fondamentale dell'economia.

Sistema bancario

Il sistema bancario è indispensabile per promuovere sia la ricchezza collettiva che il totale progresso economico della gente. Il detto "mantieni sempre il denaro in circolazione" è altrettanto vero quanto il proverbio "mantieni sempre i vagoni in movimento".

Il sistema bancario deve stare all'erta su due punti importanti:

- Non si deve permettere all'intrinseca avidità delle banche di mettere a repentaglio la vita della gente comune. Ciò è successo in passato in molti Paesi del mondo. Questo, più o meno, succede ancora oggi non solo in paesi sottosviluppati, ma in Paesi sviluppati ed in via di sviluppo.

- In secondo luogo, le banche non devono permettere ad amministratori o governi incauti di stampare banconote indiscriminatamente senza riservare un ammontare proporzionale di metallo prezioso nelle loro tesorerie.

Il primo difetto non solo rovina fasce a reddito medio e basso, ma impoverisce anche i benestanti. Il secondo distrugge la vita stessa della società. Conduce all'inflazione su vasta scala, che a sua volta mette a repentaglio gli scambi ed il commercio interni così come gli scambi ed il baratto esteri. Anche se in un paese la produzione è abbondante, la gente comune non ne trae beneficio. I ricchi si arricchiscono e hanno sempre maggiori opportunità di continuare il loro spietato sfruttamento. Nel capitalismo di stato, gli sfruttatori dominanti serrano la loro morsa sulla società in misura anche maggiore. "Il capitalismo di stato" si può autodefinire capitalismo, socialismo o comunismo, ma in definitiva, si è dimostrato nei casi reali pericoloso e sanguinario.

Il sistema bancario deve andare avanti altrimenti viene frenata la mobilità del denaro. Se ci si opporrà al sistema bancario perchè guidati da capricci egoistici o qualsiasi altro sentimento, allora l'economia resterà ferma al medioevo. Saremo destinati a perdere bilanciamento ed equilibrio nella sfera fisica, a rimanere sbilanciati nelle sfere psichica e spirituale e a ridurci a oggetto di ridicolo. E' molto triste immaginare uno stato simile.

Il ruolo delle banche

Nel sistema proutista la banca centrale rimane sotto il controllo del governo federale, ma le banche commerciali sono sottoposte al controllo sociale. Questo potrà essere realizzato costituendo un comitato di direzione formato da tecnici nominati dal governo, dai comitati sociali, dalle amministrazioni bancarie e dai loro lavoratori. Questi comitati dovranno soltanto decidere le politiche generali senza interferire nelle attività quotidiane. La banca aiuterà la formazione di capitale per un ulteriore sviluppo. Il controllo sociale impedisce che attraverso il controllo delle banche si riesca a manipolare l'economia. I profitti dovranno essere distribuiti come dividendi agli azionisti, costituire nuovo capitale per la banca, andare in parte allo stato e costituire un fondo per il benessere a disposizione dei comitati sociali. La funzione delle banche rimane quella di oggi ad eccezione della natura del loro controllo e del loro ruolo nella ricostruzione sociale.

22-01-2006 Proutist Universal Italia

PROUT è equilibrio fra:
Necessità delle persone
Garanzia delle necessità primarie (cibo, vestiario, casa, istruzione, sanità)
Distribuzione della ricchezza
Intervento statale
Garantire alle imprese l'acquisto di materie prime, energia e trasporti al prezzo minimo di mercato
Garantire la concorrenza, impedendo la formazione di monopoli e concentrazioni dannose di potere economico
Libero mercato
Controllo diretto dei lavoratori tramite la cooperazione coordinata per le grandi e medie imprese
Gestione a conduzione famigliare delle piccole imprese e delle imprese artigiane